Seguici su

Visite guidate al centro storico

Visite guidate al centro storico

Visita alla scoperta delle contrade del centro storico di Caspoggio.

Info Ecomuseo 339 2269357.

Sabato 24
Arte e cultura del territorio
Ora: 
dalle ore 11,00
Dove: 
Centro storico
Prezzo: 
€5
Prezzo bambini: 
€3

LA SCOPERA DEL CENTRO STORICO

Il percorso ideale si snoda attraverso caratteristiche viuzze che si diramano lungo tutto il centro di Caspoggio. Nel dialetto locale sono chiamate “ strecie”.
Ci fermiamo a visitare la stalla che Leonardo ha allestito come un piccolo affascinante museo. (visitabile solo durante le visite guidate)
Passiamo poi davanti a un segnatempo casalingo fatto con rametti di betulla e arriviamo al “portico del Gaudenzi”, il primo di una serie di caratteristici passaggi coperti, utili per passare dalla casa alla stalla al riparo dalle intemperie.
Proseguiamo fino alla casa natale di Erminio Dioli, (1885-1964) artista eclettico, inventore dello stile Malenchino. Durante le visite guidate si possono visitare le due “Stüe”, camere da letto intagliate interamente a mano, dal padre e dallo zio di Erminio a inizio 900 e ancora perfettamente conservare.
Saliamo alla contrada Bricalli per visitare “la Truna”, piccolo insediamento abitativo a carattere difensivo, ancora ben conservato nonostante sia datato 1500 circa, è caratterizzato da un nucleo abitativo con due schiere di edifici contrapposti che formano un sottopasso coperto lungo 25 metri.
Scendendo ci fermiamo davanti alla “Ca’ di munech o ca’ melvida “, caratterizzata dagli antichi ballatoi in legno.
Era la casa dei sacrestani e Melvinia lo fu per lungo tempo.
In paese ci sono una ventina di affreschi a carattere religioso sono dette SANTELLE, non hanno grande valore artistico, ma testimoniano la fede della gente dell'epoca.
Le famiglie commissionarono questi lavori a pittori girovaghi nel XVIII secolo, fra il 1720 e il 1800. Questo dipinto risale al 1740

Il nucleo più antico di Caspoggio chiamato “Ca' di Bergum” che sta per bergamaschi, queste furono le prime abitazioni di pastori provenienti dalla bergamasca, da cui l'origine di alcuni cognomi diffusi in paese come Pegorari e Agnelli.

L' edificio a lato, chiamato “CA' di MUSCUN” dal soprannome della famiglia che ancora la abita, è la casa più antica di Caspoggio, porta incisa la data di costruzione “1504”.

Terminiamo la visita davanti alla “Ca di Bartulume” dove nel 1822 nacque Giovanni Andrea Miotti, Vescovo di Parma dal 1882.
Questa è forse l’unica costruzione in tutta Caspoggio, che mostri una struttura più da palazzetto che da casa di Montagna, ci sono infatti soffitti con volta a vela.

Ritrovo in biblioteca alle 11,00